Teatro-Scalinata Tre metri per Tre metri

SCALINATA 2

“Finita, è finita, sta per finire, sta forse per finire. (Pausa). I chicchi si ag­giungono ai chicchi a uno a uno, e un giorno, all’im­provviso, c’è il mucchio, un piccolo mucchio, l’im­possibile mucchio. (Pausa). Non possono più punir­mi. (Pausa). Me ne vado nella mia cucina, tre metri per tre metri per tre metri, ad aspettare che mi fac­cia un fischio. (Pausa). Sono dimensioni ideali, mi appoggerò alla tavola, guarderò il muro, aspettando che mi faccia un fischio”.

Clov

.

.

SCALINATA 1

Come diceva Clov, tre metri per tre metri sono dimensioni ideali. Soprattutto, sono le uniche che abbiamo all’esterno, nella scalinata che vorrei trasformare in un teatro-scalinata. E per sfruttarle, le dimensioni, c’è bisogno di sceneggiature pensate, costruite e scritte ad hoc, come si dice.

Pertanto è indetto il primo bando, concorso, editto, chiamatelo come volete (nessuna di queste parole calza, ma non me ne viene una migliore – forse potrei indire un bando, concorso, editto per trovare una parola che sostituisca le parole bando, concorso, editto) per sceneggiature da rappresentare in uno spazio tre metri per tre metri (oddio, quasi tre metri per tre metri, in realtà siamo sui due metri e settantacinque).

Quando succederà per magia che qualcuno risponderà a questo bando, concorso, editto, raccoglieremo tutti gli atti unici (altra discriminante – deve essere un atto unico) pervenuti, sceglieremo i tre più adatti e li rappresenteremo durante l’estate 2015 (giugno-luglio) in una tre giorni (ven-sab-dom) di Teatro tre metri per tre metri al Posto pulito, illuminato bene.

Chi li rappresenterà?

Bella domanda. Branciaroli no. Le compagnie teatrali hanno altro a cui pensare e io non c’ho soldi. Insomma, si capisce, ne ho pochi. Ma la cosa bella sarebbe che fosse una compagnia teatrale ‘vera’, insomma, alcuni attori di teatro veri a rappresentare le sceneggiature selezionate. Se mi si chiede una cifra ragionevole posso starci, altrimenti no.

Una cifra ragionevole non si può esprimere con un numero, ma con una frase: “ma sì dai, è vero che c’è del lavoro da fare tipo imparare il copione e perdere del tempo per lavorarci su, ma noi amiamo recitare, pertanto veniamo lì e rappresentiamo sto atto unico, ci dai un rimborso spese, qualcosa da mangiare e da bere e siamo a posto”. 

Ecco, questa è una cifra ragionevole.

Tutto ciò mi fa aggiungere una ulteriore discriminante alla scrittura della sceneggiatura: scenografia minimal e per costumi roba che c’abbiamo negli armadi di casa.

Insomma questo è quasi tutto.

Ho fatto anche una locandina casereccia, brutta come la fame. Conto di farmela rifare bene dalla mia grafica di fiducia appena possibile.

.

Atto unico 3 mt x 3

.

Se avete domande, suggerimenti, se potete aiutarmi in qualunque modo a far esistere il teatro-scalinata, se siete attori che chiedono il genere di cifra ragionevole sopra esposto e avete voglia di imbarcarvi in questa cosa, se volete mandarmi al diavolo o se del teatro non ve ne frega un fico secco ma volete comunque venire a bere una birra in Un posto pulito, illuminato bene: scrivetemi qui o a unpostopulito@libero.it.

Ps: solitamente la scalinata la usiamo da dehor, e non è niente male (a parte il muro del bar – a sin. nella foto – che fa schifo – e per il quale c’è un’altra ideuzza che riguarda street artist, muralisti e writers).

FOTO SCALINATA

Riepilogo per i drammaturghi

del Posto pulito, illuminato bene

. 1) Quello che cerchiamo sono atti unici pensati, costruiti e scritti per essere rappresentati sul gradone tre metri per tre metri della scalinata-dehor del bar Un posto pulito, illuminato bene, ubicato in Montemagno, Asti, Via Roma 2. 

2) Gli atti unici devono essere rappresentati con poca spesa. Pertanto occhio a scenografie e costumi – e al numero degli attori, che costano (a meno che non chiedano la cifra ragionevole riportata più sopra).

3) A me, teoricamente, andrebbe bene anche un atto unico che dura tre ore (se bello, interessante, divertente, eccetera), ma Gesù, pensate anche alla gente normale, per esempio a mia madre (mio padre manco lo cito perché lui non guarderebbe un atto unico manco a pagarlo): una cosa di 45 minuti massimo un’ora mi pare l’ideale. Non fate nemmanco una cosa che duri 10 minuti, altrimenti come facciamo a vendere delle birre?

4) I tre migliori atti unici a giudizio insindacabile degli organizzatori saranno rappresentati nel corso di una rassegna teatrale di 3 giorni nell’estate 2015. (3 giorni, 3 atti unici su un palco 3 x 3). 

5) Gli atti unici dovranno essere inviati in formato word – o se avete paura che qualcuno ve li tarocchi – in formato pdf, all’indirizzo unpostopulito@libero.it entro il 31 gennaio 2015.

Ecco: questo è davvero tutto, per ora.

NEW YORKER TEATRO

5 pensieri su “Teatro-Scalinata Tre metri per Tre metri

  1. O Gian Marco. Si può taroccare anche il formato PDF (ed è pure facile). Credi allo zio!

    Per l’atto unico non mi viene uno straccio di idea accettabilmente brillante: solo cose tristissime e autoreferenziali. E nessuno comprerebbe la birra per tirarla agli attori: la gente andrebbe via senza bere. E’ meglio che non prepari io un atto unico. Però, se mi verrà un’idea te la sottoporrò.

    Bando, concorso, editto: dài, usa “banno” che è antico e fa fighissimo! (e gioca all’equivoco con l’anglismo “bannare”).

      • Sai che non riesco a prendere queste cose troppo sul serio. Né riesco a prendere me stesso sul serio come autore (e ci mancherebbe pure: sarebbe una presunzione folle). Ma mi è venuto in mente che con un po’ di maneggi forse si potrebbe fare sì che una delle mie Philastrocche diventi una sceneggiatura. Ma non c’è troppo spazio per meditare sulla condizione umana, credo. Prova a vedere, se hai tempo.

  2. Io invece riesco a prendere sul serio solo queste cose, che son frivole, che sono un gioco, e proprio per questo vanno prese sul serio. Ciò naturalmente presuppone il non prendersi sul serio come autore, e io in questo sono uno specialista.
    Ma tutto è un gioco a questo mondo, tranne quando ci son di mezzo dottori e avvocati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...